Come funziona il search intent

search intent, intento di ricerca
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

La guida per creare contenuti in linea con l’intento di ricerca

Per ottimizzare le pagine per una data parola chiave la prima cosa da fare è controllare il suo intento di ricerca. L’intento di ricerca è un concetto molto semplice da comprendere, a patto di avere una conoscenza sufficiente delle basi SEO. 

L’intento di ricerca è uno dei fattori più importanti da prendere in considerazione per il posizionamento, perché i motori di ricerca individuano le pagine che vogliono classificare in base alla qualità e alla rilevanza del contenuto. 

Le pagine posizionate in alto hanno quella posizione anche perché soddisfanno perfettamente l’intento di ricerca. 

Ecco perché, in questo articolo, ti voglio spiegare come funziona il search intent e come utilizzarlo per migliorare il tuo posizionamento. 

Search intent: che cos’è

Partiamo dalle basi. L’intento di ricerca è l’obiettivo dietro la query dell’utente, cioè il motivo per il quale stanno usando una parola chiave specifica per fare la ricerca. 

Le persone vanno in cerca di informazioni, di prodotti, di recensioni o anche di servizi. 

È un tema molto importante, perché permette di offrire agli utenti esattamente ciò che cercano e vogliono. 

Ci sono ovviamente delle difficoltà, specialmente per quelle query troppo generiche o ampie. Per esempio dietro la keyword “smartphone” ci potrebbero essere diversi intenti di ricerca, proprio per l’ampiezza del concetto. 

La query “i migliori smartphone sotto i 200 euro nel 2021” è molto più ristretta, perché specifica esattamente il prezzo e anche il periodo nel quale i modelli sono usciti sul mercato. In questo caso c’è una sola possibile interpretazione. 

Per questo motivo è molto importante scegliere bene le query sulle quali puntare. 

La query di ricerca “laptop” è più ampia ed è più difficile determinare l’intento dietro di essa rispetto alla query “migliori portatili sotto i 200 dollari 2021”. Perché? Perché “laptop” può comportare molte interpretazioni. Potrebbe significare che l’utente sta cercando una foto di un computer portatile o forse sta anche cercando una lista dei migliori computer portatili sotto i 200 dollari e ogni interpretazione nel mezzo. Ma per “migliori portatili sotto i 200 dollari 2021” c’è solo una possibile interpretazione dietro la query – l’utente sta cercando i migliori portatili sotto i 200 dollari questo 2021. Questo è il motivo per cui noi SEO dobbiamo scegliere bene le nostre battaglie quando cerchiamo di decidere su quali query/parole chiave puntare.

Search intent: le tipologie

Ora, per capire meglio il search intent dobbiamo prima di tutto conoscere le varie tipologie dell’intento di ricerca. 

I tipi di intento di ricerca possono essere di tipo informativo, di navigazione, transazionale, commerciale. 

Vediamo di cosa si tratta nello specifico.

L’intento di ricerca informativo proviene da coloro che hanno una domanda specifica e vogliono una risposta informativa. 

I contenuti che soddisfano l’intento informativo consistono in fatti, storia, benefici signifcativi, panoramiche, riassunti. 

L’intento di navigazione è un tipo di intento in cui le persone usano il motore di ricerca per andare ad un sito internet specifico. 

L’intento di ricerca transazionale è per coloro che cercano un sito che possa offrire loro il miglior valore in cambio del loro denaro. Questa query di ricerca si conclude con una transazione, con un beneficio reciproco. 

L’intento commerciale è molto simile al precedente, ma parte dalle persone che esaminano diverse opzioni, anziché concentrarsi su una singola possibilità. 

Per esempio se non sono disponibili ad acquistare immediatamente, ma stanno valutando. Le parole chiave potrebbero riguardare la migliore reflex entry level oppure confronti tra creme solari, per fare degli esempi. 

Search intent: perché è importante

Il search intent è importante per la SEO perché permette di migliorare le classifiche e il posizionamento. In poche parole, Google dà molta importanza all’intento di ricerca perché il suo obiettivo principale è quello di fornire contenuti utili agli utenti.

Il contenuto giusto, che rispetta il search intent, aumenta il CTR del tuo sito, un fattore fondamentale per Google che permette di classificare la tua pagina più in alto. 

Quando l’utente trova il tuo contenuto utile e in linea con quello che si aspettava di trovare, questo ti aiuta a trattenerlo all’interno del tuo sito web. 

Rispettare il search intent aumenta anche la possibilità di convertire gli utenti in lead o in vendite, visto che hai fornito a loro i contenuti di cui hanno bisogno. In questo modo migliori anche la brand awareness. 

Capire l’intento di ricerca dell’utente

Per trovare le migliori parole chiave per cui posizionarvi è necessario comprendere come, cosa e perché le persone cercano. Ti potrebbero essere d’aiuto alcuni di questi strumenti:

  • Google Trends ti permette di conoscere gli argomenti in trend e il loro andamento nel tempo.
  • Quora, è un sito web di Q&A, dove puoi vedere le domande generate dagli utenti.
  • Answer the Public è un ottimo strumento per vedere cosa cercano le persone su un tema specifico
  • Ahrefs è uno degli strumenti di ricerca di keyword più forte dove trovare una grande varietà di termini correlati.
  • Reddit e altri forum online dove prendere spunto.

Per creare contenuti ti suggerisco di creare una lista o un grafico delle parole chiave che vuoi usare. Una volta fatta la ricerca è il momento di categorizzare ogni query di ricerca di conseguenza, per collegare ognuna di esse per formulare più query.

Partire da qui permette di aggiungere elementi come marchi, prefissi e suffissi chiave, categorie, geotag, informazioni e frasi comuni. 

In questo modo, con le keyword giuste, potrai fare contenuti ottimizzati per l’intento di ricerca. 

Conclusioni per il tuo search intent

Il tuo contenuto dovrebbe essere sempre rilevante e dare la risposta che l’utente si aspetta di leggere. Infatti, non devi solo cercare di soddisfare le esigenze del motore di ricerca, ma devi catturare l’attenzione del tuo pubblico. 

Se crei contenuti senza tener conto dell’intento di ricerca stai sprecando del tempo. 

L’intento di ricerca dovrebbe sempre essere tenuto in considerazione quando si creano i contenuti rilevanti per la SEO. 

Rimanere in cima e mantenere il posizionamento è fondamentale se vuoi essere parte del gioco. 

Chatbot
Wordpress

Migliore chat sito web: quali scegliere

Vi proponiamo le 6 migliori servizi di chat per gestire il servizio clienti, utili per ridurre online il divario tra azienda – portale web e users / customers. Ci sono soluzioni sicuramente molto professionali adatte a qualsiasi tasca e per qualsiasi soluzione tecnica, compresi i famosi “bot”.

READ MORE
Contattaci per maggiori informazioni al nr. 393349876395
This is default text for notification bar

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi